Abbuffate di Natale: come sopravvivere all’indigestione

Tempo di lettura: 3.5 minuti

Pranzi in famiglia, cene aziendali, feste con amici. Non si scappa. In questo periodo ogni momento è buono per abbuffarsi. Cibi elaborati, pietanze piene di grassi, dolci, bibite gassate e alcolici a cui è difficile dire di no. Ma le conseguenze di tanto mangiare le conosciamo tutti: problemi di digestione, affaticamento, nausea, mal di stomaco, sonnolenza.  

Non ti diremo certo di rinunciare alle buonissime lasagne che solo nonna sa fare, o al dolce che tua zia prepara solo una volta all’anno. In questo articolo ti daremo qualche consiglio su come evitare un’indigestione da pranzo di Natale e, se il danno è già stato fatto, ti indicheremo con quali rimedi intervenire. 

Quali sono i sintomi dell’indigestione?

Indigestione è un termine molto generico, con cui si indicano comunemente tutta una serie di sintomi legati alla cattiva digestione

Più correttamente, in ambito medico si parla di dispepsia funzionale per indicare un disturbo gastrico benigno che provoca sintomi localizzati nell’addome, tra cui: bruciore di stomaco, senso di pesantezza dopo i pasti, nausea, vomito, gonfiore all’addome, meteorismo. Non di rado l’indigestione può manifestarsi anche con brividi, sensazione di freddo, sudorazione e mal di testa. 

Nella maggior parte dei casi l’indigestione è semplicemente dovuta ad un pasto abbondante o consumato troppo in fretta e si manifesta o subito dopo, oppure 1-2 ore dopo aver mangiato.

Come prevenire la comparsa dell’indigestione

Prima di sederti a tavola può esserti utile sapere che per prevenire l’insorgere di disturbi legati alla digestione dovresti:

  • aver mangiato qualcosa prima, o aver fatto colazione. Non sederti a stomaco vuoto perché mangerai molto di più e il tuo stomaco produrrà più succhi gastrici. 
  • mangiare lentamente e masticare bene. La saliva contiene enzimi digestivi e con una buona masticazione puoi ridurre il lavoro dello stomaco
  • ridurre l’uso di caffè e di cibi molto acidi, come agrumi e pomodori;
  • evitare di fumare prima o dopo il pasto, perchè il fumo può irritare lo stomaco
  • ridurre gli alcolici e superalcolici
  • non indossare abiti molto attillati che fanno pressione sullo stomaco
  • non andare a dormire subito dopo aver mangiato
  • bere 1-2 bicchieri di acqua naturale a temperatura ambiente durante il pasto
  • se proprio non puoi farne a meno, mangia con molta moderazione cibi fritti, insaccati, formaggi stagionati, latticini e ogni preparazione complessa ed elaborata. 
  • non praticare un’attività fisica molto intensa subito dopo i pasti nella convinzione di smaltire subito quanto ingerito. Molto meglio una tranquilla passeggiata all’aria fresca.

Questi accorgimenti non valgono solo per le abbuffate del periodo natalizio, ma andrebbero presi in considerazione quotidianamente. In generale, seguire un regime alimentare attento e avere uno stile di vita sano sono i due fattori principali se si vogliono evitare problemi di digestione.

Quali rimedi per curare i disturbi della digestione

Come abbiamo visto, i sintomi legati alla cattiva digestione sono molteplici e diversi sono anche i rimedi con cui si può intervenire per lenire questo tipo di disturbi. 

I rimedi naturali possono dare grande sollievo. Si va dal classico canarino (infuso a base di bucce di limone) alle tisane digestive, agli infusi a base di menta, finocchio cannella, e melissa, ai decotti di salvia e alloro.

Ma nei casi di disturbi ben precisi si può fare ricorso a farmaci mirati, alcuni dei quali non necessitano la prescrizione:

  • per gonfiore e pesantezza scegli composti che favoriscano lo svuotamento gastrico come i procinetici (domperidone) che servono anche per contrastare il senso di nausea;   
  • per aria nello stomaco scegli prodotti in grado di assorbire i gas in eccesso, come il dimeticone, il simeticone o il carbone vegetale;
  • per reflusso e bruciore di stomaco scegli farmaci antiacidi (idrossido di magnesio e idrossido di alluminio) o antagonisti dei recettori H2;  

In compresenza di patologie più specifiche in cura con altri farmaci o nel caso in cui i disturbi legati alla cattiva digestione abbiano carattere cronico e non sempre associabili a una causa organica, è bene rivolgersi al proprio medico.

 Mal di stomaco, nausea, problemi di digestione? ordina il tuo farmaco su Farmamico e ricevilo a casa!

Nessun Commento

Lascia un commento

NEWSLETTER

Le buone notizie non finiscono qui! Ricevi gli aggiornamenti sui nostri servizi, news, guide e consigli per la tua salute.